Fandom

Resident Evil Wiki

Centro di Ricerche nel Caucaso

618pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Comments0 Condividi

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Caucasus facility.png

Wesker osserva l'impianto da lontano

Il Centro di Ricerche nel Caucaso era la base operativa della filiale russa della Umbrella Corporation, nonché il quartier generale di Sergei Vladimir, il responsabile dell'impianto. È stata l'ultima base della Umbrella.[1]

Storia Modifica

Originariamente, il centro era un impianto di trasformazione chimica gestito dal governo russo, costruito all'epoca dell'Unione Sovietica. Dopo la fine della guerra fredda fu abbandonato dal governo russo e, in seguito, fu acquistato da Ozwell E. Spencer, tramite una compagnia fantoccio, per conto della Umbrella. Dopo l'acquisizione, la Umbrella modificò l'intera struttura, usandola come copertura e costruendo degli impianti per la ricerca virale e sulle armi biologiche. Nel 1998, Spencer investì una grande somma di capitale straniero nella costruzione di un vasto laboratorio sotterraneo.[2]

Produzione e sviluppo delle B.O.W. Modifica

Successivamente, all'interno dell'impianto furono condotti numerosi esperimenti segreti. La struttura divenne inoltre uno dei centri di produzione in massa delle B.O.W. più importanti della Umbrella. Tra le armi biologiche prodotte al suo interno vi erano gli Hunter, le Chimere, i Licker e l'asso nella manica della Umbrella, il progetto T-A.L.O.S. Inoltre, fino al 2003, in questo luogo erano custoditi Regina Rossa e l'U.M.F.-013 recuperati a Raccoon City, insieme all'intera infrastruttura della compagnia. Con l'aiuto di Regina Rossa, Sergei Vladimir continuò lo sviluppo del T-A.L.O.S.

Nel 2003, con la perdita di molti preziosi clienti e la distruzione di numerosi esemplari a bordo della Spencer Rain nel settembre del 2002, la Umbrella si preparò nuovamente ad una ripresa fornendo le sue B.O.W. alle regioni instabili di tutto il mondo, continuando allo stesso tempo lo sviluppo del T-A.L.O.S., che sarebbe dovuto essere il miglior prodotto sul mercato nero delle armi biologiche.

Operazione T-A.L.O.S. Modifica

Il 18 febbraio del 2003, l'impianto fu attaccato dall'unità per il contenimento dei rischi biologici guidata da Chris Redfield e Jill Valentine.

Contemporaneamente, Albert Wesker si infiltrò da solo all'interno del centro, intento a mettere le mani sull'infrastruttura della Umbrella. Wesker rilasciò il virus t che si diffuse per tutto l'impianto, uccidendo tutti i membri dello staff. Inoltre, furono liberate intere scorte di B.O.W.

Chris e Jill riuscirono in ogni caso a raggiungere e distruggere il prototipo di T-A.L.O.S., mentre Sergei fu eliminato da Wesker. Dopo l'incidente, l'impianto fu completamente ripulito dall'unità per il contenimento dei rischi biologici. Probabilmente, in seguito alla caduta della Umbrella, la struttura è stata nuovamente abbandonata.

Fonti Modifica

  1. Appunti sulla filiale russa della Umbrella
  2. Wesker's Extra Report, traduzione dal giapponese all'inglese a cura di Project Umbrella.

Inoltre su Fandom

Wiki a caso