Fandom

Resident Evil Wiki

Ada Wong

618pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Comment1 Condividi

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Ashley mugshot.png
Questa voce necessita di una riscrittura o di vari miglioramenti.
Se puoi, modificala e aiutaci a migliorarla.
Ada Wong
Ada wong.jpg
Informazioni biografiche
Data di nascita:c.1974
Nazionalità:Cinese-Americana
Occupazione:Spia per conto di rivali della Umbrella corp.

Operativa della "Terza Organizzazione"(-2004)

Agente di Albert Wesker(-2004)

Agente di Derek C.Simmons(Prima di Raccoon City)

Stato:Attiva
Caratteristiche fisiche
Sesso:Femmina
Altezza:173 cm
Gruppo sanguigno:AB
Apparizioni
Doppiatore:Sally Cahill (RE2, RE4, DC)

Megan Hollingshead (UC) Courtenay Taylor (ORC, RE6, RE:Da)

Attore:Mayuko Maruoka (MOCAP RE4)

Michelle Lee (MOCAP RE6) Jolene Andersen (RE:Da) Li Bingbing (Retribution]]

[Fonte] · [Modifica]

Ada Wong è una spia di origini asiatiche dal passato sconosciuto, famosa per aver lavorato con Albert Wesker in diverse occasioni. Fredda e misteriosa, Ada è una professionista, addestrata nel campo dell'acrobatismo e delle armi da fuoco, capace di portare facilmente a termine le proprie missioni e di stare concentrata e calma anche nelle circostanze più estreme. Non è mai chiaro se tenga davvero a qualcuno o se stia piuttosto usando il suo fascino per manipolare gli altri.[1][2]

Biografia Modifica

Inizi Modifica

Non si sa molto della vita di Ada a causa della sua natura segreta e riservata e persino il nome che usa è uno pseudonimo. Dopo essersi sottoposta ad addestramento speciale nel campo dell'acrobatismo e delle armi da fuoco, fu assunta come agente segreto dall'azienda concorrente della Umbrella Corporation.[1][2] In un periodo non precisato tra il 1994 e il 1998, le fu ordinato di infiltrarsi all'interno della Umbrella. Fingendosi una ricercatrice, Ada riuscì ad infiltrarsi nel Centro di Ricerca Arklay e cominciò a raccogliere informazioni riguardanti le B.O.W. e il virus T. Successivamente, intraprese una relazione amorosa con il capo ricercatore del centro, John Clemens, dal quale ottenne la maggior parte delle informazioni. Nonostante la relazione fosse una copertura, John era seriamente innamorato di lei e usò il suo nome come password personale.[3]

L'11 maggio 1998, a causa dell'inaspettato scoppio dell'epidemia di virus t nel centro, Ada non fu in grado di recuperare un campione del virus, ma riuscì comunque a fuggire dal luogo infernale. Qualche tempo dopo, Albert Wesker consegnò alla donna un rapporto dettagliato sul suo passato con la Umbrella.[4]

L'incidente di Raccoon City Modifica

Prima dello scoppio dell'epidemia di Raccoon City, Albert Wesker, ora un agente dell'azienda concorrente, ordinò ad Ada di recuperare un campione di virus G.[5] Sfortunatamente, la squadra di recupero dell'Umbrella Security Service guidata da HUNK riuscì a sottrarre il virus al dottor William Birkin prima di lei, causando la diffusione del virus T durante l'incursione al laboratorio sotterraneo.

Ada raccoon city incident.png

Ada durante l'incidente di Raccoon City

Durante l'epidemia, approfittando della confusione, Ada cercò di infiltrarsi nel laboratorio sotterraneo. Dopo aver saputo che il giornalista Ben Bertolucci si trovava nelle celle del Dipartimento di Polizia di Raccoon, decise di raggiungerlo per interrogarlo e scoprire una via d'accesso al laboratorio. Nei parcheggi del dipartimento incontrò la recluta Leon S. Kennedy e, insieme a lui, raggiunse Ben. Successivamente, si separò da Leon e si diresse verso le fogne dopo aver scoperto come accedere al laboratorio ma, ben presto, la recluta la raggiunse nuovamente. A causa dell'insistenza di Leon, Ada decise di rimanere accanto a lui e formare un'alleanza. Affrontando diverse situazioni pericolose, cominciarono a stringere un forte legame sentimentale.[5]

Ada and leon dying.png

Ada nelle braccia di Leon, poco prima della sua presunta morte

I due attraversarono l'impianto fognario di Raccoon City e si imbatterono in Annette Birkin. La donna tentò di sparare Ada, ma Leon la protesse facendole da scudo con il suo corpo, perdendo i sensi subito dopo. La spia decise di raggiungere Annette, dato che era stata informata da Wesker riguardo il medaglione della figlia Sherry che, molto probabilmente, nascondeva un campione di virus G. Dopo averla raggiunta, Annette cercò di attaccare Ada ma, dopo un breve combattimento, precipitò giù dalla passerella, cadendo nell'acqua sottostante. Successivamente, nell'impianto di smaltimento dei rifiuti, fu messa all'angolo da un alligatore gigante che, fortunatamente, fu sconfitto da Leon. Ada curò le ferite del poliziotto e i due si misero in marcia verso il laboratorio sotterraneo. Dopo essere saliti a bordo del treno che li avrebbe portati a destinazione, furono attaccati dalla creatura G, ovvero il mutante William Birkin. Ada fu ferita e, una volta raggiunto il laboratorio, Leon la portò al sicuro in una stanza vicina.[5]

Nonostante tutto, la spia si affrettò a riprendere la sua missione e scomparve nuovamente. Pur avendo recuperato il virus G contenuto all'interno del medaglione di Sherry da Leon, Ada raggiunse il poliziotto per proteggerlo dal temibile Tyrant T-103. Anche se ferita gravemente, riuscì a sopravvivere, pur facendo credere a Leon di essere morta in modo da non rallentare la sua fuga dalla città con le sue ferite. Dopo un ultimo bacio, Leon la abbandonò. Più tardi, la spia riuscì a recuperare un campione di tessuto dalla creatura mutante G e aiutò Leon a distruggere il Tyrant fornendogli un lanciarazzi.[5]

Ada gvirus sample.png

Ada mostra il campione di virus G a Wesker

Dopo essere fuggita dal laboratorio sotterraneo, Ada riuscì a riprendersi bendando le sue ferite e raggiunse nuovamente la superficie attraverso le fogne. Dopodiché, si diresse verso l'Apple Inn, dove avrebbe dovuto incontrare un contatto dell'azienda concorrente. Sull'orlo della morte, la donna raggiunse il locale, dove trovò il contatto defunto e un monitor attraverso il quale Wesker osservava la scena. Inizialmente deluso, l'uomo cambiò immediatamente opinione quando Ada gli mostrò il campione di tessuto infetto dal virus G che aveva recuperato. Di tutta risposta, Wesker informò la spia dell'imminente distruzione di Raccoon City e le consigliò di fuggire raggiungendo un elicottero che stava lasciando la città, a bordo del quale si trovava un funzionario della Umbrella. Dopo aver raggiunto la superstrada ed aver sconfitto il Tyrant R, Ada fu in grado di aggrapparsi al container trasportato dall'elicottero, sfuggendo per un soffio ad un Hunter che, nel tentativo di afferrarla, rimase con una delle sue scarpe in mano.[6]

I Serpenti Sacri Modifica

Tra il 2001 e il 2002, Ada si avvicinò all'organizzazione criminale dei Serpenti Sacri, in sud America, dove si finse una mediatrice della Umbrella Corporation per ottenere informazioni riguardanti il loro territorio di vendita.[7] Wesker disse a Javier Hidalgo che si trattava di una spia della Umbrella e, per questo motivo, la sua missione fu compromessa. Nonostante tutto, evitò la cattura da parte dei Seprenti Sacri.[7]

Los Illuminados(2004)Modifica

Sei anni dopo l'incidente di Raccoon City, Ada venne reclutata da Albert Wesker e mandata all'isolato villaggio di El Pueblo, che era passato sotto il controllo di Osmund Saddler, leader del culto religioso degli "Illuminados", quando l'uomo ne aveva infettato tutti gli abitanti con le Plagas. La sua missione divenne quella di recuperare uno speciale esemplare di Plaga rubandolo a Saddler. Durante la missione, dopo molto tempo la donna incontrò nuovamente Leon, in missione per salvare Ashley Graham, la figlia del presidente degli USA, dal culto degli Illuminados. Ada ottenne l'aiuto di un ricercatore, Luis Sera, che sapeva tutto riguardo al campione da recuperare e voleva aiutarla a ritrovarlo. Dopo aver fatto suonare le campane della chiesa nel villaggio per aiutare Leon, Ada raggiunse la casa di Bitores Mendez ed attese leggendo un libro finchè Wesker non la contattò per informarla sulla posizione di Luis, scomparso nel nulla. La donna raggiunse il luogo indicato, solo per scoprire che sia lui che Leon erano stati catturati, quindi tornò subito indietro, alla casa di Mendez, appena in tempo per salvare Leon dal padrone, che tuttavia riuscì a stordirla e a catturarla, decidendo di utilizzarla come creatura da sacrificare. Più tardi, dopo essere riuscita a sfuggire ai Ganados che stavano per ucciderla su un altare di pietra appena prima che riprendesse i sensi, Ada ritrovò Luis, in cerca del campione di Plaga, ed incontrò Leon, con cui ingaggiò un breve combattimento, ma subito lasciò l'uomo per non dovergli dare spiegazioni, coperta dalla coltre di fumo emanata dai suoi occhiali. Poco dopo Wesker la informò che Luis era riuscito a recuperare il campione e gli fornì la sua posizione, ma arrivata troppo tardi, vide l'uomo morire ucciso impalato da un tentacolo di Saddler.

Wesker mandò un altro agente al suo servizio, Jack Krauser, per lavorare assiema ad Ada, ma i due non si vedevano occhio ad occhio, e Krauser non si fidava della donna, ritenendola una minaccia per Wesker. Nonostante Ada avesse detto a Krauser che lavorava per conto di Wesker da più tempo di lui, l'uomo la minacciò di ucciderla alla prima mossa falsa che avesse fatto. Wesker ordinò ad Ada di liberarsi di Leon, ma quando non eseguì l'ordine, questo venne inoltrato a Krauser, così dovette salvare l'agente sparando al coltello con cui stava per ucciderlo.

Anche se la sua missione era quella di recuperare il campione di Plaga, l'obiettivo primario di Ada era quello di entrare in favore della misteriosa organizzazione per cui lavorava come doppio agente, mentre cospirava contro la Terza Orgnizzazione e Wesker. Se non fosse stato per l'aiuto di Ada, la missione di Leon sarebbe stata un fallimento, infatti oltre ad aver disattivato trappole per lui, lo aiutò anche in battaglia e lo salvò dall'influenza della Plaga che gli era stata iniettata in corpo. Oltre a quasto, Ada si occupò di distruggere una nave da guerra che gli Illuminados avevano a diposizione.

Ada venne attaccata da Krauser, incredibilmente ancora in vita, seppur quasi morente, ferito dal combattimento contro Leon e dall'esplosione della torre su cui si trovava e riuscì a sconfiggerlo facilmente e a raggiungere Leon e Ashley, permettendogli di fuggire sparando contro Saddler e facendo crollare una passerella, intrappolandosi assieme all'uomo nella stanza in cui si trovavano. Saddler si rivelò un formidabile avversario, ma grazie alle sue abilità Ada ruscì a sconfiggerlo, tuttavia l'uomo si riprese poco dopo e la stordì, legandola con una corda ed usandola come esca per attirare Leon verso di lui.

Quando Saddler tentò di usare la sua influenza sulle Plagas verso di Leon, rimase scioccato nel venire a sapere che l'uomo era riuscito ad eliminare il parassita nel proprio corpo, e poco dopo Ada venne liberata dall'agente con un coltello. Saddler mutò in un essere mostruoso e quando il combattimento infuriò e Ada si allontanò per cercare qualcosa per uccidere il leader degli Illuminados. Quando trovò un lanciarazzi speciale fu costretta ad affrontare un'orda di Ganados per raggiungerlo ed arrivata, lo lanciò a Leon che lo usò per uccidere Saddler.

Leon si avvicinò al corpo del mostro e raccolse il campione di plaga, ma Ada glielo sottrasse e fuggì a bordo di un elicottero dopo avergli consegnato le chiavi di un acquascooter con cui salvarsi dall'esplosione dell'isola.

Ada, avendo ottenuto il camione aveva completato la missione affidatale da Wesker, il primo passo verso la resurrezione della Umbrella, ma per ordine dell'organizzazione per cui lavorava, spedì a Wesker una Plaga subordinata anzichè la Plaga di controllo che conteneva il campione, tuttavia sapeva che Wesker non era stupido e che aveva comunque ottenuto un esemplare di Plaga di controllo dal cadavere di Krauser.

Repubblica Slava dell'Est (2011)Modifica

Nel 2011, Ada si trovava nella Repubblica Slava dell'Est, durante la guerra civile che infuriava nel paese europeo. Ada venne vista per la prima volta quando si presentò alla presidentessa Svetlana Belikova e al Consiglio degli Anziani, dicendo di essere un investigatore delle nazioni unite da parte della BSAA. Durante una riunione fornì informazioni sulle B.O.W. che stavano venendo utilizzate dai ribelli durante la guerra e rivelò che esiste un modo per controllarle tramite una relazione di tipo Padrone-Schiavo, utilizzando una Plaga di controllo e delle Plagas subordinate.
Ada Wong Damnation.jpg

Ada in Resident Evil: Damnation

Durante la notte, Ada incontrò Leon ed ebbe un breve scontro con lui. Inizialmente l'agente credeva che Ada fosse la responsabile dell'infezione di Plaga che si era scatenata in città, ma Ada negò, dicendogli che non era interessata in prodotti scadenti e che se i ribelli avessero attaccato la capitale, avrebbero reso il suo lavoro molto più facile. Prima di fuggire usando la sua pistola-rampino, avvertì Leon che la città sarebbe stata sterilizzata presto. Intanto Svetlana venne informata dal suo segretario che nessuno che si chiamasse Ada Wong lavorava per la BSAA.

La mattina seguente, mentre prendeva un the con la presidentessa, il segretario le puntò una pistola addosso e Svetlana iniziò ad interrogarla, chiedendole per chi lavorasse. Ada rispose che lo avrebbe lasciato alla sua immaginazione, e quando Svetlana le disse che non avrebbe più lasciato il paese rovesciò il tavolo, distraendo la donna ed avendo il tempo di disarmare il segretario. Ma la presidentessa si rivelò un avversario formidabile, tanto da riuscire a ferire Ada, seppur lievemente, con un coltello ornamentale. Mentre i terroristi entravano nella zona del palazzo presidenziale, Ada tentò di fuggire dalla stanza, ma premendo un bottone Svetlana bloccò la porta e fece scendere sottoterra la stanza dove si trovavano, che in realtà era un gigantesco ascensore.

Più tardi, Ada si risvegliò legata ad un gancio per i polsi e, riuscita a liberarsi con una lama nascosta nel tacco di una delle sue scarpe, si ritrovò in una struttura sotterranea piena di container, con al centro un grande macchinario in cui sono contenute migliaia di Plagas di controllo. Dopo aver incontrato Leon, i due hanno un breve scontro con Svetlana ed un manipolo di soldati, ma Ada riesce a fuggire spegnendo le luci.

Quando Leon e Buddy combattono contro i Tyrant, Ada rimane nascosta, attivando l'ascensore per permettere ai due di scappare. Fuggita dalla struttura sotterranea, viene vista l'ultima volta mentre contratta con un uomo sconosciuto. Ada propone all'uomo di consegnargli la Plaga che è riuscita a salvare dalla distruzione della struttura in cambio dell'annullamento del mandato d'arresto internazionale che è stato emesso nei suoi confronti.

La Neo-Umbrella (2012-2013)Modifica

Nel 2013, Ada venne contattata da Carla Radames, sotto la maschera del suo vecchio datore di lavoro, Derek C. Simmons. Il 27 Giugno salì a bordo di un grande sottomarino nel nord dell'Oceano Atlantico, informata sul fatto ce a bordo ci fosse qualcosa che le sarebbe interessato. Il sottomarino era stato programmato per rispondere alle sue impronte digitali e ai suoi comandi vocali. Contattandola ancora come Simmons, Carla le chiese se avesse trovato qualcosa di interessante e le rivelò che il giorno seguente gli Stati Uniti sarebbero stati colpiti da un attacco bioterroristico e che subito dopo la Cina e le maggiori città del mondo avrebbero seguito la medesima sorte. Dopo aver raggiunto Tall Oaks, Ada riuscì ad accedere alle catacombe sotto la cattedrale e qui incontrò Leon, Helena Harper e Deborah Harper che si stava risvegliando dallo stato di Crisalide. Ada sparò una freccia con la sua balestra, colpendo Deborah al volto, rivelandosi così ai due agenti governativi e dicendo a Leon che sembrava che avesse visto un fantasma. Mentre le caverne iniziavano a crollare, Deborah si riprese e fece crollare il pavimento. Mentre i tre attraversavano le catacombe affrontando la ragazza mutata, Ada diede a Leon un anello della Famiglia di Simmons che aveva trovato precedentemente, e gli disse che gli sarebbe servito più tardi. Dopo che Deborah li ebbe costretti a salire su un carrello da miniera che deragliò dopo poco, la ragazza si trovò da sola con la sorella, e quando Leon e Ada le spararono per salvare Helena, cadde nel vuoto, lasciata andare da Helena stessa che le promise vendetta.

Quando Helena confessò di aver aiutato Simmons nell'attacco contro il Presidente, Ada commentò che quello era "l'uomo che conosceva". Ada disse a Leon ed Helena che la persona che cercava era la stessa che aveva causato l'attacco a Tall Oaks e subito dopo lasciò i due, fuggendo con la sua pistola-rampino, quando Carla la contattò nuovamente per dirle come trovare i laboratori. Ada trovò la videocassetta, intitolata Happy Birthday Ada Wong, che mostrava la "nascita" del suo clone e capì perchè Leon fosse confuso quando l'aveva incontrato. Notando l'anello di Simmons al dito di un uomo di spalle, alla fine del video, realizzò che non era stato lui a contattarla, ma che era stata Carla. Quando la donna la chiamò ancora, Ada le disse che sapeva che non era Simmons, perchè Simmons e la Famiglia avrebbero voluto tenere il mondo stabile e sotto il loro controllo, mentre lei voleva distruggerlo. Soddisfatta, Carla rispose che il mondo sarebbe finito incolpando la vera Ada, poi riattaccò. Capendo che Carla voleva giocare, Ada decise di giocare come meglio poteva, così chiamò il vero Simmons e gli disse che Carla si stava preparando per distruggere il mondo, poi lasciò una bomba nel laboratorio che distrusse ogni cosa.

Più tardi, a Lanshiang, Ada trovò la BSAA impegnata in un inseguimento con Carla verso il suo nascondiglio a bordo di una nave della Neo-Umbrella. Seguendo il suo Doppleganger, Ada incontrò Jake Muller e Sherry Birkin, in difficoltà contro la B.O.W. Ubistvo, che aveva visto emergere da una crisalide ed era stata costretta ad affrontare, e decise di aiutare i due a sconfiggere la creatura, salvando Sherry da morte certa. Quando raggiunse la nave di Carla, Ada dovette fuggire da Chris Redfield e Piers Nivans, che la scambiarono per la "Ada" che stavano cercando. In un ufficio trovò dei documenti che parlavano di Carla, prima che venisse trasformata in un suo clone da Simmons, e poco dopo, sentendo un rumore di elicottero vicino, vede Carla cadere da una piattaforma sulla nave e schiantarsi morta. Dopo aver raggiunto il "suo" cadavere, Ada disse che se Carla avesse desiderato vendetta contro Simmons soltanto, sarebbe stata felice di aiutarla. Improvvisamente però, Carla si risvegliò ed iniziò a mutare in una creatura simile ad una massa biancastra ed informe e tentò di ucciderla, convinta di essere lei la vera Ada, ma la donna riuscì a sconfiggerla. Lasciando la nave con un elicottero armato, Ada notò Chris e Piers allontanarsi con un jet e decise di lasciare a loro il compito di provvedere al disastro causato da Carla.

Mentre volava verso il complesso delle Quad Tower, Ada non potè fare a meno di notare il caos in città, affermando che Carla non stava scherzando quando aveva detto che avrebbe portato l'Inferno in terra. Utilizzando le armi dell'elicottero, Ada aiutò Leon e Helena a sopravvivere ad un'orda di zombie e distrusse degli elicotteri manovrati da dei J'avo, salvando poi alcuni civili e soldati della BSAA da altri infetti alle Quad Tower.

Ada incontrò ancora Leon e Helena in compagnia di Simmons, che la incolpò di averlo infettato col Virus-C nonostante fosse stata Carla e subito mutò in una creatura dalle sembianze di un dinosauro e li attaccò, ma i tre riuscirono a sconfiggerlo e Ada diede appuntamento ai due agenti sul tetto. Ada atterrò con l'elicottero su una piattaforma, lasciando sul sedile un piccolo contenitore coi suoi trucchi, che in realtà celava una scheda dati contenente prove per incastrare Simmons, ed un lanciarazzi per Leon. Quando scese, la donna trovò Simmons mentre stava tentando di uccidere i due, così lo distrasse, ma l'uomo le saltò adosso e la colpì, stordendola momentaneamente. Leon però la protesse dagli attacchi di Simmons ed assieme lo affrontarono un'altra volta. Simmons riuscì ad avere la meglio su di Leon e tentò di ucciderlo facendolo cadere dal grattacielo, ma Ada gli conficcò una freccia in un fianco e si fece cadere assieme a lui, salvandosi grazie alla sua pistola-rampino. Dopo aver salutato Leon via messaggio, Ada raggiunse il laboratorio di Carla, uccidendo la creatura che stava emergendo dalla crisalide contenuta in una teca e poi distruggendo tutto quello che trovò. Pochi secondi dopo ricevette una chiamata per un lavoro, che accettò felicemente.

Personalità e RelazioniModifica

Una parola chiave per descrivere Ada è doppiezza. Nessuno sa realmente da che parte stia, e come dimostrato quando Helena le chiede se sia colpevole, Leon ammette che "Non è una domanda facile a cui rispondere". Ada possiede un senso dell'umorismo piuttosto sarcastico e mantiene costantemente un atteggiamento freddo che non lascia trasparire le sue emozioni.

Tuttavia, Ada è una persona molto compassionevole. Durante l'Incidente di Lanshiang, mette volentieri da parte il suo obiettivo momentaneamente per aiutare Jake e Sherry ad uccidere Ubistvo e si ferma per impedire che degli innocenti e dei soldati della BSAA vengano uccisi dagli zombie. Nonostante spesso sfrutti Leon per raggiungere i suoi scopi, Ada tiene molto a lui e rischierebbe la propria vita per aiutarlo nelle sue missioni.

AbilitàModifica

Ada è estremamente abile nei combattimenti corpo a corpo e sa utilizzare una gamma vastissima di armi, dalle armi moderne alle balestre. Inoltre è agile ed acrobatica ed utilizza spesso questa sua abilità in missione.


Errore nella funzione Cite: Sono presenti dei marcatori <ref> ma non è stato trovato alcun marcatore <references/>

Inoltre su Fandom

Wiki a caso